Work in Progress - WIP

 

logo wip

Wip (work in progress) è un progetto ideato da Hermete e finanziato dalla Fondazione San Zeno. l'obiettivo del progetto è di agganciare ragazzi che vivono in situazioni di disagio o in dispersione scolastica proponendo loro attività di formazione e /o lavorative. alcune attività vengono svolte all'interno della scuola per una maggiore consapevolezza delle proprie potenzialità e del proprio ruolo per una prevenzione alla dispersione scolastica. altre azioni invece propongo esperienze educative di tipo lavorativo (per i ragazzi dai 14 ai 16 anni - campus) e per accrescere la propria capacità imprenditoriale (Sharewood- dai 16 anni), oppure per i maggiori di 16 anni inserimenti lavorativi (tirocini) con finalità anche di tipo educativo. il principio guida del progetto è "educare attraverso il lavoro pratico". Le diverse azioni prevedono la presenza della figura di un counsellor che aiuti il ragazzo a riflettere su di sè e sul proprio percorso.

WIP (Work in Progress) è un progetto ideato da Hermete e finanziato da Fondazione San Zeno. L'obiettivo del progetto è quello di agganciare ragazzi che vivono in situazioni di disagio o in dispersione scolastica proponendo loro attività di formazione e/o lavorative.
Alcune di queste attività vengono svolte direttamente all'interno degli Istituti Scolastici per incentivare i ragazzi ad avere una maggiore consapevolezza delle proprie potenzialità e del proprio ruolo, in un'ottica di prevenzione alla dispersione scolastica.
Altre attività avvengono al di fuori dell'ambiente scolastico:
- Campus, per ragazzi dai 14 ai 16 anni, attività di tipo educativo-lavorativo,
- Sharewood, per ragazzi dai 16 anni, un progetto per accrescere la capacità imprenditoriale dei giovani;
- Tirocinio in azienda, per giovani al di sopra dei 16 anni,  proposte di inserimento lavorativo, sempre con la finalità di tipo educativo.

Il principio guida del progetto è "educare attraverso il lavoro pratico". Le diverse azioni prevedono la presenza della figura di un counsellor che aiuti il ragazzo a riflettere su di sè e sul proprio percorso.

 

logoF4S

Factory4Social è un riconoscimento che Hermete assegna alle aziende che contribuiscono alla realizzazione di questo progetto, ospitando ragazzi in tirocinio e dando loro l'opportunità di misurarsi in un contesto lavorativo, in un'ottica di cambiamento positivo.

Queste sono le aziende che ad oggi fanno parte di Factory4Social:

 

 

Dal 2015 ad oggi le aziende che hanno aderito al progetto ospitando tirocinanti sono (numero).

TAP

TAP – Terapia per adolescenti attraverso lo psicodramma: rafforziamo una buona pratica.

 Cos'è
TAP è un SERVIZIO di TERAPIA DI SOSTEGNO PSICOLOGICO PER ADOLESCENTI ATTRAVERSO LO PSICODRAMMA ideato come strumento continuativo a cui accedono ragazzi su richiesta delle realtà socio-sanitarie o della famiglia.

 A chi è rivolto

Il progetto si rivolge in modo diretto a 90 (max 15 per ogni percorso) giovani adolescenti e alle loro famiglie. I ragazzi e le ragazze saranno individuati in base alle segnalazioni degli psicologi, dei consultori familiari, dei servizi sociali (che raccoglieranno anche le richieste dirette delle famiglie), dei servizi educativi.

Struttura del progetto
TAP un servizio di terapia ideato come strumento continuativo a cui accedono ragazzi su richiesta delle realtà socio-sanitarie o della famiglia. TAP si pone l’obiettivo di rispondere in modo efficace al disagio psicologico degli adolescenti attraverso la creazione di un servizio stabile di terapia di sostegno psicologico attraverso lo psicodramma.

Quanto dura
Il percorso dura 12 incontri.

Partner
Hermete  Soc Coop ONLUS

ULSS 9 SCALIGERA DISTRETTO 4

Finanziatore
Fondazione SanZeno

 

Segnalazione
I casi possono essere segnalati da Educatori Territoriali, Assistenti Sociali e Psicologi dell'ULSS 9 SCALIGERA DISTRETTO 9 attraverso
il modulo linkato qui sotto.

 

Modulo 1

Clicca qui per fare la tua segnalazione


La presente progettualità si pone in un'ottica di continuità con i progetti precedenti e intende potenziare il servizio di sostegno psicologico rivolto ad adolescenti con l'integrazione di percorsi di psicodramma stabili e differenziati nel corso dell'anno. In primo luogo si intende facilitare la partecipazione dei ragazzi diversificando la proposta in un periodo dell'anno in cui si era notato un calo nella motivazione, attraverso l'inserimento di un'esperienza estiva concentrata in 2 giorni di residenziale; secondariamente ci poniamo l'obiettivo di agganciare e far partecipare un target sensibile (18-20 anni), attivando un ciclo specifico. In terzo luogo si intende migliorare la diffusione della conoscenza del servizio per promuovere l'accesso di un maggior numero di ragazzi che ne hanno bisogno attraverso l'impegno attivo dell'Ulss9 (UOC Infanzia, Famiglia, Adolescenza,
Consultori) nella promozione della formazione degli operatori e nella diffusione capillare delle procedure per la raccolta delle segnalazioni.

ShareWood

Il progetto ShareWood è stato pensato per offrire una risposta diversificata alla richiesta di aiuto di alcuni minori e famiglie nel territorio dell’ex Ulss22. Le strategie pensate si presentano come un accompagnamento dei ragazzi, da parte di educatori esperti, in un processo di crescita individuale.

L’ obiettivo è quello di riuscire a simulare con i ragazzi la creazione di una cooperativa facendo diventare i giovani protagonisti e vivere in prima persona un impegno lavorativo. Il progetto è improntato sul lavoro di falegnameria, attraverso la creazione di divani con l’utilizzo dei pallet o di altri oggetti che vengono commissionati alla cooperativa. I ragazzi ricevono un gettone presenza per ogni ora svolta in falegnameria e la divisione degli utili sul venduto. Oltre al lavoro in falegnameria i ragazzi hanno un educatore individuale con cui confrontarsi nei momenti di demotivazione o di difficoltà al fine di sostenere il percorso personale.

www.progettosharewood.it

Biblioteca Senza Confini

Bibliobus A5 frBiblioteca senza confini

Cos'è?
Il progetto intende promuovere una rete sinergica tra le attività promosse della biblioteca pubblica e la realtà culturale esistente sul territorio, incentivando la partecipazione delle nuove generazioni come fruitori e promotori di un tessuto culturale di qualità a favore della comunità, mettendo la scuola al centro come motore di cambiamento.

A chi è rivolto
Bambini 4-10 anni, ragazzi 11-14 anni, ragazzi e giovani 15-19 anni, “Attori” del territorio che mettono a disposizione i propri saperi, cittadinanza.

 Struttura del progetto
L’azione principale è la creazione di un evento culturale nei comuni di Dolcè e Brentino Belluno. L’evento racchiude una serie di spettacoli e proposte culturali a favore della cittadinanza, ideati e “prodotti” da bambini, ragazzi e giovani grazie ad una serie di percorsi proposti durante il progetto. L’evento quindi racchiude un processo culturale che stimola la partecipazione, la formazione e
la promozione alla cultura basandosi su 3 step principali:

 

    1. 5. Azioni e attività 

    L’azione principale è la creazione di un evento/manifestazione culturale (ospitato nei 2 eventi già in essere a Brentino-Belluno e Dolcè). L’evento racchiude una serie di spettacoli e proposte culturali a favore della cittadinanza, ideati e “prodotti” da bambini, ragazzi e giovani grazie ad una serie di percorsi proposti durante il progetto, coinvolgendo anche le altre generazioni. L’evento quindi racchiude un processo culturale di alto livello che stimola la partecipazione, la formazione e la promozione alla cultura basandosi su 2 step principali: sensibilizzazione (azione A), apprendimento (azione B) e applicazione (azione C).

    1. A. Percorsi specifici di acquisizione di competenze utili a realizzare “prodotti culturali” da inserire nell’evento finale. Il progetto prevede l’avvio di:

    a.1 - percorso/laboratorio teatrale “dalla lettura all’interpretazione teatrale” per ragazzi (scuola secondaria di primo grado con almeno 20 incontri) I temi su cui lavoreranno i ragazzi saranno legati alla valorizzazione del proprio territorio e alla riscoperta della propria zona come spazio di opportunità, in cui inserire se stessi con un ruolo e non come un luogo da cui fuggire. A questo scopo saranno coinvolti cittadini del territorio (adulti e anziani) per rendere maggiormente esperienziale il percorso. I laboratori porteranno ad alcuni spettacoli teatrali presentati alla manifestazione finale.

    a.2 - percorso/laboratorio per la realizzazione di un video “documentario” sul patrimonio sociale e storico-culturale del territorio durante un servizio attivo di stampo bibliotecario (giovani 11-19 anni). Il percorso prevede al suo interno l’attivazione di un “Bibliobus” (servizio di interprestito bibliotecario nelle frazioni dei comuni coinvolti a favore sopratutto di anziani e disabili almeno 1 volta al mese) che permetterà ai giovani coinvolti di muoversi a livello locale offrendo un servizio alla comunità e nello stesso tempo raccogliere fotografie, immagini e video-interviste della propria comunità da inserire in un cortometraggio. Inoltre saranno previste delle uscite ad-hoc con i ragazzi coinvolti (per la raccolta del materiale) in luoghi di grande interesse storico-culturale (chiesette settecentesche, area archeologica di età romana, Forti) accompagnati da persone del luogo che detengono un grande patrimonio informativo. Questo percorso permetterà sia di sperimentare un servizio culturale importante per le persone del territorio (permettendo anche alle Amministrazioni di capire se è un servizio funzionante e che necessità sostenibilità futura) e nello stesso tempo avere un aggancio con i “saperi” del territorio e metterli in relazione con i giovani tramite tecnologie video e successivamente social. Il materiale fotografico e video saranno presentati durante la manifestazione finale, oltre che promossi attraverso la disseminazione dei risultati dopo l’evento finale e presentato ad eventuali concorsi.

    a.3 - percorso/laboratorio sull’acquisizione di competenze pratico-manuali e organizzative per la (1) creazione partecipata di una sezione “Giovani” all’interno della biblioteca comunale in apertura che verrà inaugurata durante la manifestazione finale. Il percorso darà ai ragazzi competenze adeguate per essere promotori di una sezione per adolescenti e giovani, imparando a catalogare e ricercare i libri da acquistare, ma anche avere la possibilità di coinvolgere e farsi coinvolgere per un futuro gruppo di volontariato giovane nella biblioteca. Il percorso prevede anche la (2) sperimentazione da parte del personale bibliotecario (coinvolgendo i ragazzi che hanno partecipato alla precedenze attività) di laboratori di promozione alla lettura specifici sulla fascia adolescenziale e giovanile da presentare come buona pratica agli insegnanti e genitori durante la manifestazione finale tramite workshop formativi.

    1. B. realizzazione di un evento che metta le giovani generazioni al centro di un momento culturale di qualità, che racchiuda l’incontro di bambini, ragazzi e giovani che hanno lavorato durante l’anno per “riscoprire” il proprio territorio come zona di cultura e di bellezza.
    2. b. L’evento, per dare maggiore visibilità ed essere sostenibile, sarà ospitato all’interno di due manifestazioni che coinvolgono tutta la cittadinanza (Corteggiando a Brentino-Belluno nel mese di luglio e Storia e Sapori a Dolcè in maggio) così da permettere alla comunità di essere parte dell’esperienza e di “vedersi” attraverso gli occhi e il lavoro delle giovani generazioni che hanno collaborato con persone del territorio. Saranno quindi allestiti spazi per l’esibizione di spettacoli teatrali, workshop , laboratori e visione del materiale prodotto.

     

 

Quanto dura?

Da ottobre 2017 a dicembre 2018

Partners
Hermete Soc. Coop. Soc. ONLUS, Comune di Brentino Belluno, Comune di Dolcè.

 Sostenitori
Il progetto è finanziato da Fondazione Cariverona

 

 

Esperienza Lavoro

Cos'è?

Esperienza Lavoro è un progetto che prevede la realizzazione di una serie di percorsi personalizzati di orientamento, formazione e accompagnamento al lavoro per giovani in difficoltà lavorativa. A partire da una valutazione dei bisogni formativi individuali il progetto permette la costruzione di un percorso personalizzato e si offre come un’occasione per dare forma concreta alla creatività e ai desideri, sostenendo e curando le soggettive propensioni all’auto-imprenditività e all’autoimpiego.

A chi è rivolto?
Il progetto è rivolto a giovani adulti dai 18 ai 39 anni di Verona e provincia in difficoltà lavorativa in cerca di nuova occupazione o sotto occupati.

Clicca qui sotto per scoprire le proposte dell'autunno 2018!
img sito

 

 

Struttura del progetto
Il percorso di ogni partecipante potrà essere completamente personalizzato a partire da un incontro iniziale di orientamento, in cui verranno individuati i bisogni formativi principali e verrà tracciata la strategia ad hoc. Ogni partecipante avrà la possibilità di articolare il proprio percorso tramite:

Percorso di counseling e di orientamento individualizzato
a cui potranno seguire
Percorsi formativi di gruppo (minimo 1 massimo 7 dei seguenti)

Inoltre, alla fine del proprio percorso, ci sarà, per alcuni dei partecipanti selezionati, la possibilità di poter usufruire di:

  • 5 borse di studio per altrettanti tirocini in azienda
  • 2 borse di studio per tirocini riservate ad aziende in co-working e/o fablab
  • 2 consulenze per lo sviluppo di progetti di autoimprese
  • 5 consulenze per le opportunità all’estero

Quanto dura?
Dipende! Essendo un percorso personalizzato, la durata varia a seconda degli step attivati.


Modalità di partecipazione
Per partecipare scrivi a: esperienzalavoro @ hermete.it 
Le domande saranno accettate fino ad esaurimento posti. 
Il percorso personalizzato potrà essere attivato in qualsiasi momento a partire:

dall’8 maggio 2017 al 31 ottobre 2018
in una delle seguenti finestre temporali:

I° Finestra maggio - settembre 2017 (orientamento e formazione)
II° Finestra ottobre 2017 - marzo 2018 (orientamento e formazione)
III° Finestra aprile - luglio 2018 (solo orientamento)

Partner
MAG - Società Mutua per l’Autogestione, Fondazione Edulife, Fab-Lab Verona, A.P.S. Progetto Lavoro in Valpolicella, Studio di Consulenza Cesaro&Associati s.r.l., T2i - Trasferimento Tecnologico e Innovazione, Centro Eurodesk Valpolicella Valdadige. 
Comuni di: S. Ambrogio di Valpolicella, Fumane, Marano di Valpolicella, Dolcè, Rivoli Veronese, Brentino-Belluno, Negrar, Sant’Anna d’Alfaedo.

Progetto Sostenuto da Fondazione Cariverona e Banca Popolare di Verona-Banco BPM.